martedì 19 settembre 2017

Aerodyne: accordo con Street Symphonies Records


Street Symphonies Records è orgogliosa di accogliere nel proprio roster gli hard rockers svedesi Aerodyne
Gli Aerodyne sono il risultato della fusione di due delle principali band di Göteborg, Svezia, in un'unica realtà: formatisi agli inizi del 2016, i componenti del combo scandinavo sono finalmente pronti a espandere il loro graffiante hard rock in tutto il globo. Con riff taglienti e ritornelli che si stampano subito in testa, è difficile non mettersi a cantare a squarciagola o lasciarsi andare ad un headbanging sfrenato! 
Il primo EP e l'omonimo video "Old Flames Die Hard" sono stati rilasciati nel giugno del 2016, ricevendo grandi consensi da parte di fans e critica sparsi per tutto il mondo. 


Anche se la scena rock di Göteborg sta vivendo un momento di stanca, per gli Aerodyne non esiste la parola "riposo": all'inizio del 2017 la band è entrata in studio per registrare il primo full-length "Breaking Free" (la cui uscita è prevista per il prossimo inverno tramite Street Symphonies Records / Burning Minds Music Group), mentre il singer Daniel Almqvist dava il proprio apporto all'ultima release in studio dei Crazy Lixx, "Ruff Justice", supportando con le sue backing vocals il brano "Kiss Of Judas". Con la volontà di intraprendere tour mondiali e di raggiungere con la loro musica fino all'ultimo rock fan rimasto nel mondo, gli Aerodyne sono arrivati sin qui per rimanere!

Line-up:
Daniel Almqvist: Voce, Chitarra
Timmy Kan: Basso
Johan Bergman: Chitaarra Solista
Christoffer Almqvist: Batteria



BELPHEGOR – presentano il video di 'Baphomet'!


La diabolica truppa Death/ Black Metal dei BELPHEGOR presenta in anteprima su Metal Hammer UK il video ufficiale di 'Baphomet', canzone tratta dal capolavoro “Totenritual”.
Il video è stato realizzato dalla polacca Grupa13.

“Totenritual” è disponibile in formato fisico o digitale 

I BELPHEGOR saranno in concerto con DESTRÖYER 666, ENTHRONED e NERVOCHAOS il 19 ottobre 2017 al Colony di Brescia!

Totenritual” è stato registrato agli Stage One Studios (Germania) e allo Studio Mischmaschine (Austria). Il mixaggio è stato curato da Jason Suecof, mentre la masterizzazione è stata affidata a Mark Lewis degli Audiohammer Studios (Florida). L’artwork è stato realizzato ancora una volta dall’artista greco Seth Siro Anton, che si era già occupato delle copertine di “Pestokalypse VI” del 2006 e “Conjuring The Dead” del 2014.

lunedì 18 settembre 2017

THE NEW ROSES - One More For the Road

"One More For the Road"

Release Date: on 25 August 2017

Label: Napalm Records 

Country: Germany

Genre: Hard heavy Rock

Tracklist:
1. Quarter To Twelve
2. My Own Worst Enemy
3. Forever Never Comes
4. Dancing On A Razorblade
5. Consider Me Gone
6. Life Ain’t Easy (For A Boy With Long Hair)
7. Every Wild Heart
8. Fight You Leaving Me
9. The Same Moon
10. Piece By Piece Of Mind
11. One More For The Road
Bonus tracks:
12. Do I Look Scared To You
13. The Storm
14. Nitro Nights

Anche i tedeschi hanno il loro Sunset Strip? A quanto pare si, perché One More For The Road, terzo lavoro di questa band proveniente da Wiesbaden, è uno dei migliori prodotti street-sleaze che mi sia capitato di ascoltare da parecchio tempo a questa parte!
Attivi dal 2007 e forti di un buon seguito in patria, i The New Roses con questo lavoro ci regalano quasi un’ora di sano, sporco rock ‘n’ roll, privo dei lustrini del glam ma puzzolente d’alcool, di nicotina e di notti brave. I riferimenti più evidenti sono sicuramente Backyard Babies, L.A. Guns e Buckcherry, e in generale le bands meno patinate che popolavano la scena californiana degli anni 80 (chi ricorda i Junkyard?).

The New Roses non cercano il ritornello facile ma puntano su riffs energici e su un cantato ruvido e graffiante, e anche quando il suono si fa più ruffiano come in “Dancing On A Razorblade” non si scade mai nel commerciale. I 14 brani di One More For The Road mantengono tutti uno standard elevato, senza fillers. Tra questi è obbligatorio citare il kick ass-rock’n’roll di “Quarter To Twelve”, una “My Own Worst Enemy” dall’anima heavy blues, e la sleazy “Forever Never Comes”, che costituiscono un trittico iniziale in grado di mettere KO anche l’ascoltatore più scettico. Anche l’immancabile ballata “Fight You Leaving Me” si rivela molto intensa e “sentita”, ben lontana dal romanticume di certo glam. Meravigliosa infine la title track, degna dei Quireboys più ispirati.

Dimenticatevi le ultime, scialbe prove degli Hardcore Superstar, The New Roses hanno tutte le carte in regola per diventare “the next big thing”.

8,5/10
Andrea

Line-up:
Timmy Rough – vocals, guitar
Norman Bites – guitar
Hardy – bass
Urban Berz – drums


DESTRUCTION – pubblicano “Thrash Anthems II” il 10 novembre!


Le leggende tedesche del DESTRUCTION pubblicheranno il loro nuovo album “Thrash Anthems II” il 10 novembre su Nuclear Blast Records.

I pre-ordini sono attivi QUI

Nel 2007 i DESTRUCTION hanno raggiunto un grande successo ri-registrando alcuni loro classici senza tempo. Il seguito di “Thrash Anthems” del 2007 è ora pronto a sconvolgere il mondo del metal e mostra che i fan possono far parte della storia presente e futura della band attraverso una campagna lanciata su PledgeMusic.

Il mastermind Schmier dichiara:
"Poiché già in passato abbiamo rilanciato vecchi classici della nostra storia, dando loro una nuova veste, e dato che abbiamo avuto diverse richieste di dare un seguito a ‘Thrash Anthems’, abbiamo deciso di realizzare la seconda parte, svecchiando il materiale classico dei DESTRUCTION anni ’80. Per noi era importante scegliere le tracce con i fan e quando NB non ha voluto realizzare l’album, abbiamo deciso di lanciare una campagna di raccolta fondi per produrlo assieme ai nostri fan più fedeli. Per farla breve, sappiamo che non tutti apprezzeranno le nuove versioni di questi classici thrash, ma in tal caso ascoltatevi gli originali. Per noi era importante tenerli in vita per una nuova generazione di metallari che amano delle registrazioni fresche e brutali. Siamo contenti che la nostra etichetta abbia ora deciso di pubblicare questa raccolta di classici thrash. L’atmosfera del disco è così viziosa, non commerciale e ha il feeling tipico degli anni ’80, ma con un’aggressività che ha reso il nostro thrash così speciale ai bei tempi e ora!”.

“Thrash Anthems II” - Tracklist:
01. Confused Mind
02. Black Mass
03. Frontbeast
04. Dissatisfied Existence
05. United By Hatred
06. The Ritual
07. Black Death
08. The Antichrist
09. Confound Games
10. Ripping You Off Blind
11. Satan's Vengeance
Bonus Track:
12. Holiday in Cambodia (DEAD KENNEDYS Cover)

L’artwork è stato realizzato dall’ungherese Gyula, già autore delle copertine di ANNIHILATOR, GRAVE DIGGER, STRATOVARIUS, TANKARD e molti altri.

L’ultimo album dei DESTRUCTION Under Attack” è stato pubblicato a maggio 2016 ed è disponibile in formato fisico e digitale 

www.destruction.de
www.facebook.com/destruction

SATYRICON pubblicano il nuovo singolo da'Deep calleth upon Deep' in uscita il 22/09 su Napalm Records!Release party a Milano e Torino.


Le leggende del black metal SATYRICON pubblicheranno il loro attesissimo nono album in studio 'Deep calleth upon Deep' il 22 settembre su Napalm Records.
Il duo capitanato dal visionario Satyr, dopo avere pubblicato la title track, rende oggi noto il secondo singolo per la canzone 'To your brethren in the dark'!

Il mastermind dei SATYRICON Satyr dichiara:
"To your brethren in the dark è sicuramente una delle canzoni più rappresentative del disco. Parla di emozione, della nostra natura, degli spiriti, dell’autunno, dei giorni nuvolosi e piovosi, di coloro che abbiamo perso e di coloro che non abbiamo ancora incontrato. Si potrebbe dire che sia un tributo al dolore umano e ai drammi della natura di cui ci circondiamo. Una canzone per le torri nere del nostro passato e per quelle che costruiremo in futuro. Passate la torcia ai vostri fratelli nell’oscurità”. 

Tuffatevi nella più oscura forma d’arte e ascoltate il nuovo singolo dei SATYRICON QUI!

La nuova opera dei SATYRICON 'Deep calleth upon Deep' sarà disponibile in digitale, CD digipak e vinile. I pre-ordini sono attivi QUI!

Per festeggiare l’uscita di 'Deep calleth upon Deep' vi diamo appuntamento al Wizard Pub di Milano venerdì 22 settembre (https://www.facebook.com/events/1652198238187294 ) e alla Birreria Dei Rubinetti di Carignano (TO) domenica 24 settembre (https://www.facebook.com/events/2056284021316872). Durante le serate sarà possibile ascoltare il nuovo album e vincere dei gadget targati Satyricon!

Registrato a Oslo (Norvegia) e Vancouver (Canada) a inizio 2017 e mixato con il rinomato guru Mike Fraser (che aveva già lavorato sull’album del 2006 dei SATYRICON, ‘Now, Diabolical’), ‘Deep Calleth Upon Deep’ non è solo una nuova collezione di canzoni di una delle più longeve e credibili band di musica estrema: esso rappresenta una completa reinvenzione e un’era nuova di zecca nella storia dei SATYRICON. ‘Deep Calleth Upon Deep’ è una profonda dichiarazione inerente l’essenza della musica dei SATYRICON e del valore eterno dell’arte stessa.

I SATYRICON sono sempre stati un’eccellente live band. Le loro evocative esibizioni sono diventate eventi speciali tanto che la loro frequenza si adatta al nuovo modus operandi del gruppo di Oslo. La band sarà presto in tour in Europa per presentare ‘Deep Calleth Upon Deep’. L’unica data italiana è fissata il 7 ottobre a Zona Roveri, Bologna.


venerdì 15 settembre 2017

Kari Rueslåtten - Silence Is The Only Sound

"Silence Is The Only Sound"

Release Date: on 25 Aug 2017

Label: Spindelsinn Recordings
Øra Fonogram/Rough Trade

CountryNorway

Genre: Rock, Folk, World, & Country

Tracklist:
1. Believer
2. Chasing Rivers
3. Spellbound
4. Gone
5. The Harbour
6. As Evening Falls
7. Saviour
8. Music You Should Hear
9. The Parting (Shine A Light)
10. Silence Is The Only Sound

Per chi come me è cresciuta lasciandosi cullare dalle disarmanti melodie dei The Gathering, Theatre of Tragedy e The 3rd and the Mortal – recensire le varie carriere soliste intraprese dalle loro immortali voci – non è semplice.

Kari Rueslåtten è stata e sarà sempre tra le più grandi vocalist che la scena gothic folk scandinava abbia mai avuto. Il suo nuovo album Silence Is The Only Sound, pubblicato lo scorso agosto per Spindelsinn Recordings/Øra Fonogram/Rough Trade, è una sintesi di rock sinfonico, molto simile a quello che l’ha vista protagonista durante l'era straordinaria con i The 3rd and the Mortal, dimostrando ancora di essere in grado di toccare l'anima dell'ascoltatore e di ammaliarla come una venere del Botticelli.

La musica d’atmosfera sembra essere divenuta la sua dimora stabile, lenta e morbida per la maggior parte del disco, intensa quando la voce di Kari cerca di combattere le tenebre disegnate dalla densa struttura delle chitarre elettriche. Il resto è un valzer di racconti tramandati di padre in figlia, che non vogliono sbiadire come vecchie diapositive ma vivere attraverso il suono di violoncelli, ed ariose aperture di tastiere che ci conducono fino alla fine.

E anche se ascoltando questi brani verrete pervasi da un senso di disperazione e nostalgia, Silence Is The Only Sound sarà il disco perfetto per questo inizio d'autunno.

7.5/10
Michela (Anesthesia)

Facebook

[Interview]

I REPUBLICA si esibiranno al ROCK IN RIO e pubblicheranno INTIMACY OF YOUR SOUL, il 3 ° video musicale tratto dal prossimo album BRUTAL & BEAUTIFUL


La prossima settimana assisteremo alla pubblicazione del nuovo album BRUTAL & BEAUTIFUL dei REPUBLICA. Questa rappresenterà un altro passo importante nella carriera della band, dal momento che si esibiranno in una performance speciale al ROCK IN RIO solo 2 giorni dopo questa pubblicazione in tutto il mondo. Sfruttando questa occasione i REPUBLICA presentano orgogliosamente il terzo nuovo video musicale per la canzone INTIMACY OF YOUR SOUL tratto dall'album di prossima uscita.


Segreti spaventosi, tentazioni, sogni e desideri .... cose che hanno un impatto profondo sulla nostra vita, ma che non possiamo mai rivelare a nessuno, e che è meglio tenere nascoste in un luogo molto intimo nelle nostre anime.

Gli arrangiamenti per la canzone "Intimacy Of Your Soul" riflettono proprio questo. È come un sussurro nei versi e un grido sfrenato nei cori .... Ci sono momenti in cui vogliamo gridare i nostri segreti, in altri vorremmo solo sussurrarli .... è un oscillare da Beautiful a Brutal e da Brutal a Beautiful, come un giro sulle montagne russe dentro di noi.

ODYSSEY MUSIC NETWORK pubblicherà BRUTAL & BEAUTIFUL il 22 settembre!



giovedì 14 settembre 2017

AMORPHIS – rinnovano il contratto con Nuclear Blast e annunciano uno speciale concerto a 360°!

 Photo Credit: Denis Goria

Gli AMORPHIS, che hanno appena terminato il tour estivo “Under The Red Cloud”, annunciano il rinnovo del contratto con Nuclear Blast.

Il chitarrista Esa Holopainen commenta:
"Sono davvero felice di annunciare che gli AMORPHIS hanno firmato di nuovo per Nuclear Blast! È bello lavorare con persone così professionali e a noi familiari. Gli AMORPHIS negli ultimi due anni hanno suonato in tutto il mondo ma ora è giunto il momento di ritornare in studio. Ciò significa che il nuovo album verrà pubblicato l’anno prossimo. È stato bello per noi suonare di nuovo con Olli-Pekka, quindi lo avremo con noi sul prossimo disco”.

Il CEO di Nuclear Blast Markus Staiger aggiunge:
"Sono davvero orgoglioso di continuare a lavorare con gli AMORPHIS, una delle prime band NB, che ha raggiunto il successo con ‘Tales From The Thousand Lakes’ nel 1994. Sono anche diventati nostri cari amici, il che rende migliore il rapporto professionale. Non vedo l’ora di ascoltare il nuovo album perché è semplicemente impossibile che gli AMORPHIS realizzino un brutto disco".

Per rendere l’ultimo concerto del tour “Under The Red Cloud” ancora più speciale, la band ha avuto l’idea di invitare i fan sul palco del The Circus di Helsinki il 23 settembre per avere un’esperienza 360°. Il concerto verrà trasmesso in streaming gratuitamente, ma i fan avranno la possibilità di effettuare una donazione. Il gruppo ha anche lanciato un concorso: http://amorphis360.com/contest/

Lo show può essere visto a questo link

AMORPHIS live 2017:

20.09.  FIN       Jyväskylä - Lutakko
21.09.  FIN       Tampere - Pakkahuone
22.09.  FIN       Lahti - Finlandia-Klubi
23.09.  FIN       Helsinki - The Circus

AMORPHIS live 2018:

10. - 12.05.     N         Kopervik - Karmoygeddon Metal Festival
04. - 07.07.     D         Ballenstedt - Rockharz Open Air
02. - 04.08.     D         Wacken - Wacken Open Air
08. - 11.08.     E          Villena - Leyendas del Rock


RAVEN TIDE: “NOVARIZE” IN USCITA IL 27 SETTEMBRE


I Raven Tide annunciano oggi la release ufficiale del loro secondo album " Novarize". Il nuovo full lenght, in uscita il prossimo 27 settembre, mostrerà la faccia del nuovo sound della band attraverso una caleidoscopica track list arricchita da effetti sonori e affascinanti atmosfere tratte dal mondo delle soundtrack cinematografiche, tutto mixato all'inconfondibile background di melodic metal.

Il nuovo lavoro sarà il risultato di influenze personali ed esplorazioni musicali miscelate per essere la fonte di diverse emozioni, donando un ritratto attuale della band nella nuova ispirata era.

Novarize sarà presentato a fans e amici durante un release party ufficiale al quale seguirà il "Novarize USA promo tour" previsto per inizio 2018.

L'album sarà disponibile dopo la release nei maggiori digital stores, in prevendita anche su Amazon.

Track List:
Nova
Rise Up
Lies
Evolve
Real
Blue
Shiver
Dark Horse
Breakeven
Abyss (Acoustic)


mercoledì 13 settembre 2017

Paradise Lost - Medusa

"Medusa"

Release Date01 September 2017


Country: England 

Genre: Doom Death Metal, Gothic Metal

Tracklist:
Fearless Sky
God Of Ancient
From The Gallows
The Longest Winter
Medusa
No Passage For The Dead
Blood And Chaos
Until The Grave


Il quindicesimo album di studio della storica gothic band di Halifax vedrà la luce per la Nuclear Blast i primi di Settembre. Si tratta di 8 tracce in cui il brand sound dei Paradise Lost si erge sovrano, con quelle atmosfere cupe, i ritmi cadenzati e inesorabili, le chitarre angoscianti e disperate che si alternano al growl cavernoso di un Holmes in gran forma. Ha ragione Mackintosh quando definisce questo Medusa come il lavoro più intriso di doom che abbiano mai fatto, anche se ci sono alcuni spunti più ruvidi, più ammiccanti al metal rispetto al solito, forse. Di sicuro il mood in cui l'album è stato concepito non si allontana dal tipico nichilismo di cui il quintetto britannico ha fatto bandiera durante l'arco della sua prolifica carriera iniziata alla fine degli anni 80'.
Ci sta che siano considerati tra i pionieri e principali fautori di un sottogenere del metal, tra gothic e doom, in cui regna la deprimente mancanza di qualsivoglia anelito di speranza e fiducia nell'universo mondo. Lo conferma anche la scelta del titolo di questo 15° lavoro. La Gorgone il cui sguardo non poteva essere incrociato, pena la pietrificazione immediata del malcapitato, non è semplicemente un essere mostruoso con il quale si ha paura di confrontarsi, ma è anche una metafora, quella del genere umano che rifiuta di guardare l'immenso e terrificante vuoto dello spazio cosmico, come rifiuta di guardare le bassezze e le nefandezze con cui ha sporcato e violato il pianeta terra. Medusa non cela speranze nascoste, piuttosto predica un ritorno alle origini, ai tempi dell'adorazione degli dei pagani, dei 4 elementi, ai tempi in cui l'essere umano venerava la natura e se ne sentiva l'umile figlio e servo.

Che questo album sia frutto di un'epoca in cui incertezza, angoscia e terrore, a tratti, permeano in questo mondo impazzito non ci sono dubbi. Sin dalla prima traccia, "Fearless Sky", si può percepire chiaramente un senso di oppressione e ineluttabilità, che inizia dall' intro di un minuto e mezzo e si protrae per almeno altri sette, tra l'inquietante incipit dell'organo al quale si aggiungono i lamenti delle sei corde e la voce ruggente di Holmes, che sembra quella di una sorta di predicatore, e a tratti ricorda quella di Tankian dei SOAD.
La semplicità di una razza umana primitiva e ancora priva di sovrastrutture, quasi innocente, viene celebrata assieme alle divinità ancestrali in "Gods Of The Ancient", in cui la chitarra si esprime in una sorta di straziante nenia, finché la sezione ritmica introduce una variante più movimentata, per poi ricadere nella pesante atmosfera precedente.
E dalle forche della terza traccia quali speranze possiamo mai riscontrare, se non qualche trillo di chitarra in più?
"The Longest Winter" vanta quasi 30 secondi di intro in cui domina lo scroscio della pioggia, poi sostituito da un Holmes pulito e senza growl fino a quasi metà pezzo.
La title track la ritroviamo come quinto pezzo, di più di 6 minuti. L'intro è forse la migliore finora, ma quello che colpisce di più è la variazione sul tema a metà canzone, che rende questa traccia una delle più intriganti dell'album.
Immaginare che non ci sia niente se non il nulla assoluto una volta esalato l'ultimo respiro è il tema della sesta traccia. Certo, la cosa potrebbe non fare molto piacere, nessun Paradiso, nessuna nuvoletta soffice ad attendere i più buoni e bravi, ma anche nessun Inferno con diavoletti saltellanti per i cattivi...però potrebbe essere anche un buono spunto per imparare ad apprezzare maggiormente quello che si ha in vita, la realtà che ci circonda.
"Blood And Chaos" è il pezzo più metal e più tosto di tutto l'album ed è quello che secondo me, dal vivo, spaccherà di brutto, non a caso è stato scelto come primo singolo. 

Più accattivante da un punto di vista di ritmi e arrangiamenti, ha un giro di chitarra che resta facilmente impresso nelle sinapsi e, onestamente, dà un po' di respiro a un album nell'insieme forse un po' troppo monolitico, per certi versi perfino un po' piatto, che si conclude con un'amara riflessione nell'ottava e ultima traccia, in cui Holmes sottolinea come il genere umano abbia stoltamente voluto affermare una presunta supremazia assoluta sul creato, e comportandosi come l'unico genere degno di sopravvivenza sul pianeta, ne ha inevitabilmente decretata la fine.

martedì 12 settembre 2017

Embryo: diffusi i dettagli del nuovo album


Sono stati resi noti i dettagli del nuovo disco dei death metaller Embryo, il quarto della loro carriera, la cui uscita è prevista per il 27 ottobre in Spagna e per il 24 Novembre nel resto del mondo via Art Gates Records
La copertina è stata realizzata da Seth Siro Anton Art Official (SepticFlesh), artista già all'opera in passato con Kamelot, Moonspell, Soilwork, Exodus, Noctem, Heaven Shall Burn, Caliban, Job For A Cowboy, Decapitated, Vader e molti altri. Con un sound che mischia violento Death Metal e arrangiamenti atmosferici, gli Embryo mantengono intatta l'essenza Old School del genere, senza rinunciare alla tecnica.

La band commenta così:
"Questo è un altro passo nella nostra evoluzione. Il nuovo album ha tutte le caratteristiche dell'Embryo sound: ritmi serrati, arrangiamenti decadenti e vocals death metal, ma introduce alcuni nuovi elementi nel processo di songwriting che lo rendono diverso da quello che abbiamo fatto finora. Anche le tematiche dei testi sono cambiate: abbiamo deciso di concentrarsi sulla figura del genio Leonardo Da Vinci, scegliendo alcuni eventi particolari della sua vita per accendere un riflettore sulla persona, con tutte le sue debolezze e nevrosi, mostrando la fragilità dell'uomo opposta alla maestà dell'artista. Siamo tutti estremamente soddisfatti dell'album e fiduciosi del suo valore; continuiamo a lavorare sull'evoluzione".

Tracklist:
1. The Same Difference
2. Overwhelming your Disgust
3. Vanguard for the Blind
4. Painting Death
5. Looking for the Divine
6. Solitaria 1519
7. Leonardo
8. The Greatest Plan
9. Bastard of the Brood
10. Mouth of Shame
11. Witness of your Life
12. The Horror Carved

Registrato, mixato e masterizzato al #DominationStudio da #SimoneMularoni (DGM), prodotto da Simone Mularoni ed #Embryo.


Gli HELL OBELISCO firmano per Argonauta Records


Argonauta Records è orgogliosa di annunciare la firma con il supergruppo heavy doom metal HELL OBELISCO!

Siamo felici di iniziare una collaborazione con questa grandiosa band italiana” afferma Gero di Argonauta Records, “siamo rimasti veramente colpiti quando abbiamo ricevuto le prime canzoni promo, grazie a quelle imponenti sonorità non solo vicine al migliore "Southern Metal", ma anche a quell’attitudine venata di sangue tipica dei sottogeneri del Doom Sludge. Abbiamo avuto la possibilità di ascoltare i premix dell’album e rispecchiano esattamente cosa ci aspettavamo il giorno della firma, e anche più di quello.

Il front man Andrea commenta: “Siamo fottutamente eccitati per la nostra firma con Argonauta Records, una delle migliori etichette su questo marcio pianeta. Siamo orgogliosi perchè questa è l’etichetta che stavamo cercando dal primo promo e ora è davvero arrivato il momento di fare festa! Worship Sludge brothers and sisters!"

La band ha scritto 12 canzoni, ma solo 8 o 9 tracce saranno incluse nell'album. 
Tony J. Jelencovich dei Transport League e Carmelo Orlando (Novembre) saranno ospiti sul disco.

La band ha pubblicato un demo di 2 tracce a Novembre 2016 disponibile sulla pagina di Bancamp

Gli HELL OBELISCO sono:
Six Sludge Strings: Doc
Behind The Skins: Ale
Front Row Mammoth: Andrea
Seven Doomed and Lowered Strings: Fraz

MORTUARY DRAPE pubblicano il DVD 30th Anniversary Show DVD il 2 novembre 2017 2017


Il 2 novembre i leggendari MORTUARY DRAPE pubblicheranno il DVD dello show del loro 30° anniversario.

Il concerto si è tenuto ad Alessandria il 12 novembre 2016 e svariati ospiti speciali sono saliti sul palco con la band, come Erik Danielsson (WATAIN), AC Wild (BULLDOZER), Andy “Bull” Panigada (BULLDOZER), Al De Noble (DEATH SS e SECRET SPHERE) e Aphazel (ANCIENT).

Il concerto “30th Anniversary Show” ha una durata di due ore e venti minuti.

Il DVD può essere pre-ordinato inviando una mail:

Track List:
INTRO
Primordial
Mortuary Drape
Mother 
Crepuscolar Whisper
Atral  Bewitchment
Dance of Spirits
Reincarnation
Chain / Medium  Mortem
Tregenda
Larve
Zombie
Who Calls Me
Fallen Angel (Bulldozer)
Welcome Death (Bulldozer)
Lithany
Necromancer
Vengeance from Beyond
Obsessed  by  Necromancy
Necromaniac
Inquisition
Dreadful  Discovery
1600 Gnostic Year
Pentagram
Abbot

Wildness Perversion: Vocals
D.C. : L. Guitar / B. Vocals
S.R. : L. Guitars / B.Vocals
S.C. : Bass / B.Vocals
M.B. : Drums

MOONSPELL - Release First Teaser From Upcoming Album! "1755" Now Available For Pre-Order!


Portugal's Dark Metal pioneers MOONSPELL are back with their brand new and hotly anticipated album, titled '1755'. Set to be released on November 3rd 2017 on Napalm Records, this record will outclass all standards you have ever heard from MOONSPELL before!

The conceptual album dramaturgy feels like a detonation of the mind. '1755' , the 13rd studio record by MOONSPELL, is more than just the band's new magnum opus: It's the musical version of the year of horror where a giant earthquake wrecked their hometown Lisbon. Naturally this album comes and is sung in Portuguese. '1755' is a dark adventure in medieval landscapes - emotionally, technically and completely earthshaking! 

Now the the band unleased a first teaser for the track 'Todos os Santos' (Engl.: 'All Saints'), check out this exciting trailer and pre-order '1755' right HERE!

Says frontman and creative spirit Fernando Ribeiro:
Even tough this all happened in 1755, there are still a lot of world and country leaders that think themselves as saints, with a sacred mission, chosen by any God. What really happens is that they save no one but themselves and this video showcases the message of the song: as in 2017 or 1755 all saints will not be enough to save us.”



GAME OVER: il release party del nuovo album "Claim Supremacy"


Apocalypse Extreme Agency presenta il release party del nuovo album dei thrashers GAME OVER dal titolo "CLAIMING SUPREMACY" che si terrà in esclusiva nazionale presso il Caseificio La Rosa di Poviglio (RE)  sabato 11 novembre.
"CLAIMING SUPREMACY" sarà il quarto album della band, una delle più giovani e note promesse del Thrash Metal europeo. L’album, successore dell’acclamatissimo "CRIMES AGAINST REALITY", contiene dieci tracce in grado di combinare l’ormai personale sound della band, radicato nel Thrash Metal statunitense degli anni Ottanta, ad arrangiamenti e scelte stilistiche del tutto inedite, in cui la band dà prova di un’ulteriore maturazione e crescita.
Solo ed esclusivamente per questa serata la band eseguirà interamente tutte le tracce del loro ultimo lavoro in studio e sarà possibile acquistare in anteprima il nuovo album, che uscirà ufficialmente il 17 novembre per SCARLET RECORDS.
Ad accompagnarli ci saranno i NATIONAL SUICIDE, un nome che è ormai una garanzia nel panorama thrash metal Italiano, con 3 album all'attivo, ci faranno tornare negli anni d'oro della scena con il loro sound old school che farà scatenare gli amanti del genere nel mosh più aggressivo.
A breve verranno annunciate le altre bands,i dettagli della serata e alcune sorprese per i fans dei GAME OVER.

SABATO 11 NOVEMBRE 2017
GAME OVER RELEASE PARTY NEW ALBUM "CLAIMING SUPREMACY"
Evento Facebook

On stage:
- GAME OVER (Show esclusivo dedicato al loro nuovo album)
- NATIONAL SUICIDE (Thrash Metal Old School in the best tradition)
+ MORE BANDS COMING SOON

Presso:
Associazione Culturale Caseificio La Rosa
VIA Romana 200/1
POVIGLIO (RE)


Erdve sign to Season of Mist


Season of Mist are proud to announce the signing of ERDVE. The freshly conceived Lithuanian experimental hardcore collective will release their debut full-length, 'Vaitojimas' through Season of Mist.'

The band comments: "Since ERDVE is a very young name, this collaboration is proof that it is all about what matters the most - the music itself. We certainly did not have any expectations that the record could be presented to a wider audience, yet we are extremely proud and happy that our desire to create something meaningful for ourselves has procured a relationship with a record label which believes in artistic value. This partnership is a huge achievement in our creative lives and will set a strong basis for us to communicate our music, ideas, and artistic identity further on. We are incredibly thankful to Season of Mist for this opportunity.''

When ERDVE formed in the Lithuanian capital Vilnius in 2016, the band had a clear aesthetic vision of creating a unique heavy sound that experimented with elements from hardcore, sludge, and black metal, yet was not bound by any unwritten "rules" surrounding those genres.    

The core ideas of ERDVE are translated into lyrics, visuals, and sound by in-depth reflection on concepts such as domestic violence, utmost disgusting behaviour, crimes against humanity, and extremism.

ERDVE will release their debut album, 'Vaitojimas'' on Season Of Mist in 2018.

Line-up
Vaidotas: guitar, vocals
Kristijonas: guitar, soundscapes
Krizas: bass
Valdas: drums