sabato 30 gennaio 2016

CONAN – Release Full Album Stream

Fresh from battle, dripping from the gore exposed by Blood Eagle CONAN return with their newest release Revengeance via Napalm Records. With inspiration taken from video games, retro sword and sorcery movies, ancient battle scenes and the hum and aroma of warm output valves they have laid down 6 songs of total heaviness, unsurpassed in their blend of brutality and tone, groove and flow. Prepare to be blown away by the heaviest CONAN album yet as they hack, slash and charge their way into your subconscious.

Check out the full album stream incl. interview with Jon Davis HERE.


CONAN front man Jon Davis commented on the new album and upcoming tour:

“Revengeance is the sound of hacking and slashing in Golden Axe, throwing coins into Gauntlet and still failing. Failure and triumph, sword and sorcery. 

We are excited to visit the US again and make our first trip to Canada. Our tour in 2015 was awesome, and we look forward to doing this all again.
See you at the front.”


UK Battle Doomsters CONAN will return to North American this March alongside Serial Hawk

CONAN W/Serial Hawk:
3/3: Chicago, IL @ Beat Kitchen
3/4: Detroit, MI @ Berserker Fest
3/5: Toronto, ON @ Hard Luck
3/6: Cleveland, OH @ Now That’s Class
3/8: Brooklyn, NY @ Saint Vitus
3/9: Philadelphia, PA @ Kung Fu Necktie
3/10: Baltimore, MD @ Ottobar
3/11: Raleigh, NC @ King’s
3/12: Knoxville, TN @ Pilot Light
3/13: Atlanta, GA @ Drunken Unicorn
3/16: Austin, TX @ Metal Sucks SXSW Showcase*
3/18: Albuquerque, NM @ Sister Tavern (Free Show)
3/19: Phoenix, AZ @ Rebel Lounge
3/20: Glendale, CA @ Complex
3/21: Oakland, CA @ Metro
3/22: Sacramento, CA @ Press Club
3/24: Portland, OR @ Star Theater
3/25: Boise, ID @ Treefort Fest
3/26: Seattle, WA @ Highline w/ Bell Witch, Mitochondiran

For More Info Visit:

venerdì 29 gennaio 2016

Wolfhorde - Towards The Gates of North review

"Towards the gates of North"


Release date: on 22nd January 2016 (international)


Genre: Folk Metal

Country: Finland

Track list: 
1. Vegvísir 
2. Fimbulvetr 
3. Taivaankappaleiden Kato 
4. Death Long-Due 
5. The Retribution 
6. Unyielding 
7. Boundless Agony 
8. Lycomania 
9. The Gates of North 

  
A chi non è mai capitato di comprare un album a scatola chiusa, causa folgorazione mistica da copertina? Ecco, se mi fossi imbattuta casualmente in Towards The Gates of North fra gli scaffali di un negozio, sono certa che avrebbe attirato la mia attenzione. Il motivo? La “nordicità” che trasuda fin dalla prima occhiata e che per qualche strana ragione mi ha fatto subito pensare agli Immortal. 

Dopo aver ascoltato l’album, posso dire di aver azzeccato il primo punto ma totalmente sbagliato il secondo: i Wolfhorde hanno con Abbath ed (ex) soci una relazione paragonabile a quella dei Dream Theater con gli Arch Enemy. 
Tradotto in parole povere, Towards The Gates of North farà molta più gola agli amanti di Finntroll e Korpiklaani che non ai black metaller duri e puri. "Tavivaankappaleiden Kato", "Death Long-Due" e "Boundless Agony" ne sono gli esempi più riusciti, mentre su "The Retribution" e "Unyielding" i nostri si perdono un po’ per strada.  

L’apice della “nordicità” si ha però con quelle che a mio avviso sono le tre tracce migliori. In primis l’opener "Vegvísir", brano strumentale da ascoltare chiudendo gli occhi ed immaginando di essere seduti sulle rive in un fiordo circondati dal silenzio più assoluto, rotto soltanto dall’infrangersi dell’acqua sulla riva. In "Fimbulvetr" l’atmosfera si fa molto più tesa, proprio per rendere l’idea del “terribile inverno” in cui la luce del sole sarà per lungo tempo solo un lontano ricordo. "The Gates of North" riprende questo tema, chiudendo malinconicamente questo viaggio musicale in paesaggi intrisi di miti e leggende. 

Con questo primo full-length i finlandesi ottengono un risultato più che soddisfacente, dimostrando buone capacità sia nel songwriting che nel miscelare adeguatamente le sonorità viking e folk senza scadere nella banalità eccessiva. 
Da tenere d’occhio per il futuro.  

Voto: 7,5/10
Bene the Sentinel  

Line-up: 
Werihukka – Guitar and other instruments 
Hukkapätkä – Vocals and drums 
Nuoskajalka – Bass 
  
Links: 

SERENITY – Celebrate Release Of Codex Atlanticus With Brand New Video

Serenity don’t just simply release an album – the Symphonic Metal giants invite their audience on truly epic journeys! Codex Atlanticus – their fifth album – boasts of thrilling storytelling about art and science. Monumental orchestral arrangements meet mean riffing and lush melodies! Codex Atlanticus is out on January 29th via Napalm Records.

Watch their brand new music video for the track “Spirit In The Flesh



SERENITY will hit the road soon for a bunch of shows all over Europe with their label mates in XANDRIA and later this year with heavy metal giants POWERWOLF
Find all dates listed below:


Symphonic Metal Nights Part I
/w XANDRIA

02.02.2016 - Hamburg / Logo
03.02.2016 - Aschaffenburg / Colos Saal
04.02.2016 - München / Backstage
05.02.2016 - Linz / Central
06.02.2016 - Solothurn / Kofmehl
07.02.2016 - Bosco Marengo / LIVE23         09.02.2016 - Paris / Divan Du Monde
10.02.2016 - London / The Underworld
11.02.2016 - Zaandam / De Flux
12.02.2016 - Bochum / Matrix
13.02.2016 - Magdeburg / Factory
14.02.2016 - Berlin / K17            
16.02.2016 - Zlin / Masters Of Rock Café
17.02.2016 - Wien / Szene
18.02.2016 - Aalen / Rock it
19.02.2016 - Bamberg / Live-Club
20.02.2016 - Kaiserslautern / Kammgarn
21.02.2016 - Vosselaar / BIEBOB

/w POWERWOLF
26.03.2016 DE - Karlsruhe, Substage
27.03.2016 AT - Dornbirn, Conrad Sohm
28.03.2016 AT - Graz, Explosiv
31.03.2016 DE - Erfurt, HsB
01.04.2016 DE - Frankfurt, Batschkapp
03.04.2016 ES - Barcelona, Salamandra
04.04.2016 ES - Madrid, La Riviera
06.04.2016 FR - Toulouse, Bikini
07.04.2016 FR - Cognac, West Rock
08.04.2016 CH - Solothurn, Kofmehl

/w KAMELOT
21.04.16 CZ - Praha / Meet Factory 
22.04.16 DE - Andernach / JUZ Live Club 
23.04.16 BE - Antwerpen / Muziekcentrum Trix 
24.04.16 NL - Zwolle / Poppodium Hedon 
26.04.16 CH - Solothurn / Kulturfabrik Kofmehl 
27.04.16 CH - Luzern / Konzerthaus Schüü

Facebook

THE NEW ROSES – Premiere Music Video Of Upcoming Album Dead Man’s Voice

Thirsty is the first single off the upcoming masterpiece from THE NEW ROSES, Dead Man’s Voice This four piece is a true breath of fresh air and they fuse catchy Hard Rock with classic glam, sleaze and blues! Convince yourself with “Thirsty” HERE.

Dead Man’s Voice will be released on February 26th on Napalm Records!

Pre-Order your copy HERE.

Just in time to the album release of Dead Man’s Voice, the band will play some really nice shows around your corner. Better not miss out!



26.02.2016 DE - Wiesbaden / Schlachthof (RECORD RELEASES SHOW)
27.02.2016 DE - Dortmund / FZW
03.03.2016 DE - Berlin / White Trash
04.03.2016 DE - Isernhagen / Blues Garage
05.03.2016 DE - Hamburg / Rock Café St. Pauli
09.03.2016 NL - Tilburg / Little Devil
10.03.2016 DE - Köln / Underground
11.03.2016 DE - Esslingen / Dieselstrasse
18.03.2016 CH - Pratteln / Z7
19.03.2016 CH - Lyss / Kufa
31.03.2016 CH - Solothurn / Kofmehl
01.04.2016 CH - Zug / Chollerhalle
02.04.2016 CH - Rubigen / Mühle Hunziken
14.04.2016 DE - Augsburg / Spectrum
15.04.2016 DE - München / Backstage
16.04.2016 DE - Cham / L.A.
29.04.2016 DE - Mannheim / 7er Club
30.04.2016 DE - Oldenburg / Cadillac

For More Info & News Visit:



NEMESEA – Unveil Album Details!

The Dutch female fronted band, NEMESEA, famous for combining rock with electronica to stir up a dark and strangely addictive brew - have fine-tuned this musical combination to perfection on their fourth album Uprise.  The guitars and Manda Ophuis' outstanding vocals continue to be the driving force behind NEMESEA. Today the band unveiled first details of the upcoming album: title, release date & track listing!

The alternative rock trio has several surefire hits up its sleeve, and it's impossible to not be enthralled by the all-encompassing balance between driving rock and soothing ballads. Find the full Uprise track listing here:

1.         Hear me
2.         Twilight
3.         Forever
4.         Let it burn
5.         Time to make it
6.         Can't believe it
7.         Light up the sky
8.         Get out
9.         Bones
10.       Hold on
11.       The way I feel (Bonus Track)
12.       Broken (Bonus Track)
13.       If you could (Bonus Track)
14.       No more (Bonus Track)

Uprise offers intense and soulful alternative rock complete with a subtle breath of goth and loudly demands the attention the band undoubtedly deserves. Uprise is a gem that reveals its many-splendored colors more and more each time you press play!

Uprise is set to be released on April 29th on Napalm Records! Stay tuned!




Skuggsjá stream new track of debut album



IVAR BJØRNSON & EINAR SELVIK’S SKUGGSJÁ, the thrilling and tempestuous collaboration between ENSLAVED and WARDRUNA are now premiering another new song taken form their forthcoming debut full-length 'Skuggsjá', which has been slated for worldwide release on March 11th via Season of Mist

The track "Kvervandi" is exclusively streaming HERE

Regarding "Kvervandi", Einar "Kvitrafn" Selvik comments on behalf of the band: "The word 'Kvervandi' means 'turning' or 'whirling' and is lyric-wise rather playfully displaying the various cycles of nature and of life from a Norse perspective. The song itself is heavy, slow moving, emotional and uncompromising just like the turning wheels of nature."

IVAR BJØRNSON & EINAR SELVIK’S SKUGGSJÁ have previously revealed the artwork and tracklist of 'Skuggsjá', which can both be viewed below. The cover has been designed by the renowned Romanian artist Costin Chioreanu.

Tracklisting
1. Intro: Ull Kjem 
2. Skuggsjá 
3. Makta Og Vanæra, For All Tid
4. Tore Hund 
5. Rop Fra Røynda - Mælt Fra Minne 
6. Skuggeslåtten (instrumental)
7. Kvervandi 
8. Vitkispá
9. Bøn Om Ending, Bøn Om Byrjing
10. Outro: Ull Gjekk

Bonus tracks deluxe Digipak
11. Skaldens Song Til Tore Hund
12. Quantum Pasts (Rop Frå Røynda - Bardspec Ed)

When renowned musicians such as ENSLAVED guitarist / composer Ivar Bjørnson and Einar Selvik – the mastermind behind WARDRUNA, which gained attention far beyond the world of music for their contributions to the score of the acclaimed 'Vikings' TV-series – join forces, the outcome is far too easily dismissed in advance as a "super project". 

Yet with SKUGGSJÁ the two Norwegians have clearly not only successfully combined their musical handwriting, but the sum of the duo's craft is more than its already outstanding parts. Both are adding sonic expressions to the other's sound that are enhancing their excellent songwriting into something new. Harsh metal guitars seem to effortlessly connect with ancient instruments and the emerging intricate patterns are reminiscent of the intertwined, whirling and deeply fascinating Viking age animal styles translated into songs. The result is a richly evocative sonic tapestry for the mind to wander on and create images of a long gone past without any misplaced nostalgia.

'Skuggsjá' was originally conceived as a commissioned musical work written by Ivar Bjørnson and Einar Selvik. The arrangement was performed by ENSLAVED and WARDRUNA as a concert piece in commemoration of the 200th anniversary of the Norwegian constitution at the Eidsivablot festival in Eidsvoll, Norway on September 13th, 2014.

The growing desire to present SKUGGSJÁ to a broader audience has ultimately led Bjørnson and Selvik to record their work in its entirety. The word "Skuggsjá" translates into "mirror" or "reflection" in the Norse tongue. 

By highlighting ideas, traditions and instruments of their Norse past, SKUGGSJÁ speak of the history of Norway and reflect relevant aspects from the past into our present day. Using metal instrumentation as well as some of Scandinavia's oldest instruments and poetry in Norse and Norwegian, 'Skuggsjá' represents a fusion between past and present, both lyrically and musically.

Line-up
Ivar Bjørnson: vocals, guitars, bass, keyboards
Einar Selvik: vocals, taglharpa, Kravik-lyre, goat-horn, birch-bark lure, bone-flute, percussion, electronics 

Contributing musicians
Grutle Kjellson: vocals
Lindy-Fay Hella: vocals
Eilif Gundersen: birch bark lure
Olav L. Mjelva: Harding fiddle
Cato Bekkevold: drums


giovedì 28 gennaio 2016

Argonauta Records mette sotto contratto i MUSCHIO‏


ARGONAUTA RECORDS è orgogliosa di annunciare che i MUSCHIO, trio strumentale post rock, nato a Verbania a fine 2011, fanno ora parte della sua famiglia.

Il progetto prende forma con Fabio Poggiana (chitarra), Rino Sorrentino (batteria) dei Leo Minor e Alberto Corsi (chitarra) dei Mauve. I MUSCHIO danno vita a un suono davvero unico che mescola post-hardcore, noise e psichedelia.

Dalla primavera 2012 hanno suonato in Italia con band come Appaloosa, Clarky's Bacon, Uochi Toki, Lento e preso parte a concerti e festival estivi importanti. Nella primavera 2013, i Muschio hanno registrato il loro primo LP, "Antenauts", con Enrico Baraldi all’Igloo Audio Factory (Reggio Emilia).

Tra il 2013 e il 2014 i Muschio hanno promosso "Antenauts" in Germania e tutta Italia suonando con svariate band come Linea 77, Raw Power, Valerian Swing e altre.
Il prossimo album verrà pubblicato da ARGONAUTA Records in primavera.

FOR MORE INFO: 

INVERSE RECORDS presents: HIGHLY-TALENTED FINNISH BAND THE HYPOTHESIS RELEASED A NEW MUSIC VIDEO

Picture by Valtteri Hirvonene 

Highly-talented Finnish modern metal newcomer THE HYPOTHESIS released their first music video from the upcoming debut album

THE HYPOTHESIS, a Finnish band playing fresh, modern metal, has released a music video from their upcoming debut album. The video introduces the impressive array of band members, who are or have previously played in other bands, such as Paradise Lost, Vallenfyre, Red Moon Architect, Dimebag Beyond Forever, Dead Shape Figure and Naildown.



I enjoyed a lot recording the guitar solo on this album, since the stuff sounds technically challenging yet catchy!” -Daniel Freyberg, Naildown / Children Of Bodom

"Perfect marriage of death & melodic metal combined with stellar musicianship and great songwriting"  -Rolf Pilve, Stratovarius

"The Hypothesis gives you the best headbanging and the biggest muscles!" –Noora Louhimo, Battle Beast


The Hypothesis is:
Antti Seppälä (vocals)
Juuso Turkki (guitar)
Asko Sartanen (guitar)
Markku "Neissu" Ruuskanen (bass)
Waltteri Väyrynen (drums)


FACEBOOK:         

Awake The Sun - The Barren Sleep review

"The Barren Sleep"

Release date: February 2016

Label: Sliptrick records

Country: Italy

Style: Prog/Doom metal

Tracklist:
1 - Awake
2 - No Sun
3 - Snow Stained Heart
4 - The Withering
5 - Distant Calling
6 - Empire
7 - Hours
8 - Redemption


Riflessi gothic doom risvegliano i sensi della città dei Dogi.

La continua ricerca di sonorità particolari ci porta spesso a concentrare la nostra attenzione su determinate band o paesi, che quasi non ci accorgiamo di quello che ci sta intorno. 
Gli AWAKE THE SUN sono stati, in questo senso, una piacevolissima scoperta.

The Barren Sleep” è una creatura (quasi) perfetta, dalle striature cerulee che difende la propria bellezza con artigli affilati. Sfruttando al meglio le buone capacità interpretative dei suoi esecutori, nonostante la partenza della prima traccia abbia tentato di sviare la nostra opinione facendoci credere di essere al cospetto del solito rimpasto pop/prog, l’incedere lento e dilaniante del doom metal e le atmosfere elettro dark delle tastiere che ne seguono, offrono una chiave di letture molto più ampia scomodando paragoni addirittura con Paradise Lost e Katatonia.

Ad essere onesti ci si sarebbe aspettato un maggior sviluppo del suono da una band che per oltre dieci anni ha basato le proprie composizioni ed arrangiamenti sulla continua sperimentazione, ahimè la visione troppo semplicistica e la velocità di ritmo di alcune tracce lasciano un po’ di sale in bocca, che non è proprio quello delle lacrime versate sugli stacchi di tastiera, gentilmente concessi da Leonardo Castellani, tra i migliori elementi del gruppo, vanificando così, la sensazione di trovarci nuovamente di fronte ad un "Deliverance" parte seconda.

L'album comunque offre alcuni momenti davvero magici (Distant Callingda farci passare sopra anche a qualche piccolo difetto.
Consigliato.

6.5/10
Michela (Anesthesia)
Line-up:
Francesco Gargan - Bass
Brasilian Brass - Guitars
Leonardo Castellani - Keyboards
Nicola Mel - Vocals
Cristian Luise - Drums
Giuliano Marzola - Guitars, Programming

mercoledì 27 gennaio 2016

AVANTASIA - Ghostlights Review

GHOSTLIGHT


Release: 29 January 2016


Hometown: Germany

Genere: Symphonic Metal/Rock

Tracklist:

01. Mystery Of A Blood Red Rose
02. Let The Storm Descend Upon You
03. The Haunting 
04. Seduction Of Decay
05. Ghostlights
06. Draconian Love 
07. Master Of The Pendulum
08. Isle Of Evermore
09. Babylon Vampyres
10. Lucifer
11. Unchain The Light 
12. A Restless Heart And Obsidian Skies

Quello che viene imbastito tutte le volte da Tobias Sammet quando si tratta degli Avantasia è sempre una cosa sola: una sorprendente, magnifica e grandiosa opera metal/rock che coinvolge i più grandi artisti della scena musicale contemporanea, veri gioielli che brillano come rubini dentro ad un forziere.

Ghostlights non smentisce questa tendenza, ma come spesso accade in situazioni del genere ci sono due strade che si possono percorrere, quella che rischia di diventare monotona, pedante e ormai sempre tutta uguale, o quella che riesce a trovare ancora una volta una scintilla capace di far brillare un disco, facendolo diventare uno sfavillante diamante che mette in ombra tutto il resto.

Ed è questo quello che è successo. Complici delle guest star di tutto rispetto che mettono dentro alle tracce tutta la loro grinta, il carisma, la vocalità ed un bagaglio personale che solo artisti del calibro di Michael Kiske (Helloween), Bruce Kulick (Kiss), ma anche di Marco Hietala (Tarot, Nightwish) e Sharon Van Adel (Within Temptation), Ghostlights porta in scena ancora una volta un grandissimo e opulento lavoro di scrittura musicale destinato a suonare per tutto questo nuovo anno iniziato sotto i migliori auspici e che porta avanti il concept di uno dei precedenti album incentrati sul tempo che scorre, inafferrabile ed inesorabile.

"Mystery Of A Blood Red Rose" apre le danze di questo carosello barocco che risulta essere molto più metal che epico, decisamente più power che rock, in un connubio di equilibri perfetti che si avvicina alla perfezione ed è anche l'unica traccia in cui la mente creatrice di Tobias canta senza il supporto di una guest star. Devo dire la verità: lui non mi ha mai fatto impazzire per vocalità e tonalità, ma ammetto che questa volta mi ha stupito anche perché, almeno nel mio caso, il rischio era di precludere l'ascolto delle tracce successive se avesse fallito miseramente questa prova.

L'epicità di questo album esplode tutta nella lunghissima e magniloquente "Let The Storm Descend Upon You", ben dodici minuti di brano con un enorme coro in puro stile sinfonico dal grande coinvolgimento vocale.

Toccando melodie orientaleggianti ("The Haunting"), ammiccando poi al sound dei The 69 Eyes di "Paris Kills" in "Draconian Love", ci si appresta ad affrontare tracce che scorrono tra la potenza di un power ben costruito e la dolcezza di ballad malinconiche ed eteree ("Isle Of Evermore"), passeggiando per brani che sembrano essere scritti per i loro interpreti ("Master Of The Pendulum"e che riescono ad incarnarne alla perfezione lo spirito ed il cuore.

Il lavoro fatto da Tobias è sicuramente tra i più pregiati e curati, di quelli che ti fanno trattenere il respiro dalla prima all'ultima nota, un prodotto di una qualità superiore che non smentisce mai le attese e che riesce ad inserirsi perfino tra i suoi migliori lavori fatti negli ultimi anni.

8.5/10
Dora


Line - Up:
Tobias Sammet + Guests

Links:

SERENITY - Codex Atlanticus Review

CODEX ATLANTICUS


Label: Napalm Records  

Release: 29 January 2016

Hometown: Austria/Italy/Germany

Genre: Symphonic Metal

Tracklist:

01. Codex Atlanticus
02. Follow Me
03. Sprouts of Terror
04. Iniquity
05. Reason
06. My Final Chapter
07. Caught in a Myth
08. Fate of Light
09. The Perfect Woman
10. Spirit in the Flesh
11. The Order

La musica è un viaggio, sa condurti ai confini della scienza, nelle profondità più sfaccettate dell'arte, si fa racconto di una vita, può diventare portavoce di una storia e non importa se sia vera o immaginaria; la musica ha da sempre avuto il pregio di arrivare a tutti, di aprire mondi nuovi, di togliere la polvere da vecchi scaffali della memoria lasciati per troppo tempo a marcire in un angolo della nostra anima e ha anche un'altra qualità, la più importante: estende gli orizzonti, li abbraccia e poi li amplifica, saziandoti il cuore e, allo stesso tempo, facendoti desiderare di più, sempre di più.

Non tutti sono bravi cantastorie e non tutta la musica si adatta bene a questo compito, ma a volte succede che una band ha nel sangue quella velleità artistica che la trasforma in veri e propri bardi e, se si è fortunati, è anche capace di trovare le note giuste per portare il racconto dei racconti nei quattro angoli del pianeta.

I Serenity sono sempre stati maestri in questo, ma con Codex Atlanticus hanno perfino superato loro stessi, tessendo con assoluta maestria e un pizzico di magia una tra le storie più belle mai raccontate, quella di un genio assoluto come Leonardo Da Vinci, sul quale tante storie sono state scritte.

Attingendo lo spunto principale da questa figura sicuramente famosa, ma da sempre velata da un alone di mistero, la band capitanata da Georg Neuhauser intesse le trame di un racconto che, fin dalla opener e title track tratteggia melodie potenti, impattanti, che a volte sconfinano nell'idea di una colonna sonora da telefilm fantasy, dalla palese natura epico sinfonica, ma con sempre un accenno power che dà la carica e la grinta giusta, senza però mai dimenticare toni più morbidi e dolci che trovano sempre il modo di imporsi in quello che è sicuramente l'album migliore della carriera della band.

Ogni traccia scivola via con una piacevolezza inaudita, teatrali al punto giusto, ricche e sfaccettate proprio come la vita di Leonardo che ha dato grandissimo spunto all'estro compositivo di Georg Neuhauser, qui in uno stato di grazia senza eguali non solo a livello di composizione ma anche sul piano vocale.

La band è cresciuta e ha saputo mettere in cantiere un album curato e magnifico sotto ogni punto di vista, dove le undici tracce diventano un po' i fogli del Codice Atlantico di Leonardo, la raccolta definitiva e perfetta della vita, dell'anima e dell'estro di un genio incontrastato che è tornato a vivere grazie alla musica.

8/10
Dora







Bands:
Georg Neuhauser (vox)
Fabio D'Amore (bass, vox)
Andreas Schipflinger (drums, vox)
Cris Hermsdörfer (guitars, vox) 

Links: