venerdì 19 gennaio 2018

AUDREY HORNE - Blackout

"Blackout"

Release Date: on January 12th 2018

Label: Napalm Records

Country: Norway

Genre: Rock

Tracklist:
1. This Is War
2. Audrevolution
3. Blackout
4. This Man
5. Midnight Man
6. Light Your Way
7. California
8. Satellite
9. Naysayer
10. Rose Alley


Audrey Horne è un controverso personaggio della serie tv “Twin Peaks” interpretato dalla bellissima Sherylin Fenn, ma è anche il nome di un quintetto norvegese attivo dal 2002 e giunto, con questo Blackout, al sesto lavoro.

I primi lavori della band, i cui membri hanno un passato in formazioni come Enslaved, Demonaz e Sagh, erano influenzati dal post-grunge e da gruppi come Alice In Chains, ma a partire dall’omonimo album del 2010 il sound si è spostato su un heavy rock classico, debitore verso la scena anni 80 (N.W.O.B.H.M. in primis) ma anche verso i giganti degli anni 70, in particolare Black Sabbath e Deep Purple.

L’iniziale “This Is War” sfoggia riffs di chiara impronta Iron Maiden e mette in mostra pregevoli scambi tra i due chitarristi nel lungo solo centrale. Il potenziale singolo “Audrevolution” scorre piacevole e trascinante, mentre “This Man” è un evidente tributo ai Thin Lizzy,con un riff portante molto simile a quello di “Don’t Believe A Word”. 
In “Midnight Man” sono invece le influenze Sabbathiane ad avere il sopravvento, anche grazie alla voce di Toschie, che ricorda parecchio quella di Ozzy. Tutti i brani si mantengono su di un livello più che buono, senza regalare particolari sorprese ma anche senza cadute di tono. “Light Your Way”, con un gran lavoro del drummer Kjetil Greve e alcuni misurati interventi di organo, e la metallica, incalzante “Naysayer” sono altri episodi di innegabile valore. 

Gli Audrey Horne si autodefiniscono “honest, handmade music”, e questo Blackout mantiene le promesse, facendosi apprezzare per la sua genuina semplicità.

7,5/10
Andrea

Line-up:
Toschie – vocals
Ice Dale – guitar
Thomas Tofthagen – guitar
Espen Lien – bass
Kjetil Greve – drums

www.facebook.com/AudreyHorneOfficial/ 
www.audreyhornemusic.com

giovedì 18 gennaio 2018

MINISTRY – parlano della composizione di "AmeriKKKant"


Il 9 novembre 2016 Al Jourgensen dei MINISTRY si è svegliato e ha detto: “È ora di fare un fottuto album”.

Quando Jourgensen – già nominato sei volte ai Grammy – ha pubblicato l’ultimo capitolo della sua trilogia dedicata all’era Bush – “Houses Of The Molé”, “Rio Grande Blood” e “The Last Sucker” – in cui si era scagliato contro George Dubya, ha capito che non si trattava solo un’invettiva contro il candidato alla Casa Bianca. “L’avevo sempre saputo, ma in quell’album ho davvero compreso che siamo tutti dei coglioni”.

In “AmeriKKKant” ha analizzato le ragioni per cui sia stato eletto uno come Donald Trump, anziché parlare dell’attuale amministrazione. "Ciò è ben più interessante di chi cazzo sia al potere. Persino la classe dirigente non lo sa. Come società non abbiamo alcun peso. La morale non ha più alcun valore, viviamo in un sistema monetario su cui si basa qualsiasi azione. Come esseri umani commettiamo molti errori quando inseguiamo il drago verde, il potentissimo dollaro. Quando questo è il fattore che guida le nostre azioni, finiamo per scegliere uno come Trump, e di questo ho voluto parlare nel disco".




“AmeriKKKant” può essere pre-ordinato QUI

Il disco uscirà il 9 marzo su Nuclear Blast dopodiché i MINISTRY s’imbarcheranno in un tour negli Stati Uniti con una scenografia molto speciale.

SAMAEL reveal live video from record release show in Lausanne Switzerland!

photo credit: Aline Fournier

30 years of constant musical evolution.
Over 100 original songs composed and recorded.
Nearly 1000 concerts given around the globe. 

SAMAEL resurrected black metal in the early 1990s with the landmark debut "Worship Him", introduced symphonic black metal in 1994 with the classic "Ceremony of Opposites" and pioneered industrial metal with "Passage" in 1996. They released multiple critically acclaimed albums like "Reign Of Light", "Solar Soul", and "Above" during the Millennial years, ended with "Lux Mundi" in 2011. After a break of six years, SAMAEL came back with a big bang, only to prove they are still way too relevant nowadays to be called "just another band from the past". Their latest output "Hegemony" was released on October 13, 2017 and hit the charts all over Europe! 

This past Fall the band played a couple of select shows around the release of their new album, one of them in the picturesque town of Lausanne in their home country Switzerland, surrounded by die-hard-fans, family, and friends! They captured that very special night with a live performance video of one of their newest songs "Rite of Renewal"!  

SAMAEL about the video:
"This is the first song from «Hegemony» that we presented live and it became an instant classic. The video was shot in «Les Docks» in Lausanne during the first show that followed the release of «Hegemony», it was latter edited by Sergey Ulyanov who previously worked on other visuals for us. The song itself is a mid/up tempo track that shows a more technical side of our music. The dynamic is kept by altering fast and dense parts with open and heavy ones until the grand final with super heavy riffs and apocalyptic keyboard parts. What better title for a song than «Rite of Renewal» to start a new year? 2018 here we go!"



Highly-talented Finnish THE HYPOTHESIS released a new single!

ph. cr Valtteri Hirvonen 


Finnish melodic death metallers THE HYPOTHESIS has released a new single! This fresh ILLUSION NOW -single presents heavier version of the band according the qvintet's mastermind:

"The Hypothesis is even heavier, brutal and more dynamic in the future...and we have more new material ready, so stay tuned! " -Juuso Turkki


Illusion Now -single is composed, produced, mixed and mastered by Juuso Turkki. 
Antti Seppälä - Vocals
Asko Sartanen - Guitar (Naildown, Codeon)
Markku "Neissu" Ruuskanen - Bass (Dead Shape Figure)
Rolf Pilve - Drums (Stratovarius, Solution .45, Wintersun)
Juuso Turkki - Guitar & Backing vocals (Red Moon Architect)


mercoledì 17 gennaio 2018

MIND OF DOLL - Speak No Evil

"Speak No Evil"

Release date: December 15th 2017


Country: Finland

Genre: Rock

Tracklist:
1. Other Side
2. Matador
3. Nothing Man
4. Motor Clean 
5. Walk The Night






Tornano a farsi sentire i Mind Of Doll, band finlandese che da un po’ di tempo non dava notizie di sé. Sono passati infatti ben 5 anni da “Shame On Your Shadow”, che seguiva l’esordio “Low Life Heroes” (2007), due lavori che hanno fatto guadagnare alla band un buon seguito in patria ed un tour europeo (con qualche data anche in Italia) di supporto a Sebastian Bach.

Speak No Evil è un EP di 5 pezzi che non cambia le carte in tavola: i Mind Of Doll continuano a proporci un rock’n’roll stradaiolo imparentato con il punk, duro e diretto, con molti riferimenti a Backyard Babies, Hellacopters e Gluecifer.
I brani dispiegano energia a piene mani: a tracce adrenaliniche e veloci come “Other Side” e “Nothing Man”, di chiara attitudine punk, si alternano episodi più “ragionati” come la grandiosa “Matador”, 6 minuti di magma incandescente, oppure “Motor Clean” che avrebbe ben figurato su un vecchio disco dei D.A.D., o ancora “Walk The Night”, con un’inaspettato stacco centrale lento.

Una voce graffiante e viziosa, una serie di riffs ficcanti, sudore a volontà e pochi fronzoli: ecco servita la ricetta dei Mind Of Doll
Dategli un ascolto!

7,5/10
Andrea

Line-up:
Visa Heinonen – vocals
Sakari Virta – guitar
Erik Lunden – guitar
Ide Miettinen – bass
Ville Muru – drums

MEMORIAM – pubblicano il secondo album "The Silent Vigil" il 23 marzo!


La guerra imperversa! I death metaller vecchia scuola, MEMORIAM, pubblicheranno il loro secondo album, “The Silent Vigil”, il 23 marzo 2018 su Nuclear Blast Records. Appena un anno dopo l’uscita dell’album di debutto “For The Fallen”, la band ritorna con un flusso autentico e grezzo di distruzione death metal vecchia scuola!

L’artwork è stato realizzato nuovamente da Dan Seagrave (BENEDICTION, DISMEMBER, HYPOCRISY, SUFFOCATION).

I MEMORIAM a proposito della copertina dichiarano:
"Dopo avere collaborato con successo con Dan Seagrave per il nostro album di debutto ‘For the Fallen’, abbiamo deciso di affidargli anche la copertina del nuovo disco. All’inizio chiamammo Dan perché ci piacevano moltissimo i lavori realizzati negli anni per altre band e Scott, in particolare, voleva che i Memoriam avessero un artwork disegnato  da Dan Seagrave.
Dan è bravissimo nel ricreare l’atmosfera dell’Old School Death Metal nelle opere che realizza, sempre piene di dettagli e molto atmosferiche. Per ‘For the Fallen’ ha fatto un lavoro eccezionale.
Questa volta a Dan abbiamo chiesto di creare un’immagine che fosse una sorta di seguito del debutto. Là c’era un corteo funebre con la bara del leader caduto, accompagnata lungo un campo di battaglia. ‘The Silent Vigil’ rappresenta la fase successiva del viaggio in cui la bara viene esposta, circondata dai suoi seguaci in silenzio, che paiono dei soldati di terracotta. Il disegno trasmette solennità. L’albero al centro simbolizza la vita che va avanti.
Siamo davvero soddisfatti del lavoro svolto da Dan per noi e siamo orgogliosi di avere una sua opera in copertina. Abbiamo già un’idea per il prossimo disco e speriamo che Dan possa realizzarla per noi”.

“The Silent Vigil” - Tracklisting:

1. Soulless Parasite
2. Nothing Remains
3. From the Flames
4. The Silent Vigil
5. Bleed The Same
6. As Bridges Burn
7. The New Dark Ages
8. No Known Grave
9. Weaponised Fear

I MEMORIAM nascono per riempire il vuoto lasciato dalla tragica morte di Martin “Kiddie” Kearns, il batterista dei BOLT THROWER, a settembre 2015. Poiché i BOLT THROWER hanno deciso di interrompere le loro attività, il cantante Karl Willetts ha avuto l’opportunità di sviluppare un nuovo progetto con vecchi amici. I MEMORIAM sono una band old school death metal, che mantiene alti gli standard già raggiunti con i precedenti gruppi, e trattano temi di morte, perdita e guerra. Inizialmente i membri del gruppo hanno iniziato suonando delle cover di canzoni che li hanno influenzati nella loro carriera all’interno della scena death metal, ma ben presto si sono resi conto che i nuovi brani composti erano di alto profilo.

MEMORIAM sono:
Karl Willetts - ex-BOLT THROWER | voce
Frank Healy - BENEDICTION, SACRILEGE | basso
Andy Whale - ex-BOLT THROWER | batteria
Scott Fairfax - ex-LIFE DENIED, BENEDICTION (live) | chitarra

Sparzanza pubblicano il lyric video di “The Trigger”


Il primo singolo “Vindication” tratto dall’ottavo album in studio “Announcing the End” è stato ascoltato su Spotify ben 279.000 volte! Il secondo singolo, la title track “Announcing The End”, è stato accompagnato da un video-tributo a “Bladerunner 2049” ed ora è il momento per gli svedesi Sparzanza di svelare il lyric video del terzo singolo “The Trigger”.


Dopo una solida carriera, gli Sparzanza hanno colto l’opportunità di testare i propri limiti e avvicinare più persone al loro colossale muro di suono, da sempre marchio di fabbrica della band fin dal terzo album “Banisher Of The Light”.

Announcing The End” è l’ottavo album in studio degli Sparzanza che finalmente raccolgono quanto meritato. Chitarre potenti, energia e cori accattivanti costruiti intorno a melodie ficcanti sono gli elementi chiave della musica del gruppo.

Sparzanza:
Calle Johannesson – chitarra
Anders Åberg – batteria
Johan Carlsson – basso
Fredrik Weileby – voce
Magnus Eronen – chitarra